• Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button

La Nostra Storia

Poggiolini nasce da una piccola bottega artigiana con la passione per la cucina italiana e tanta voglia di portare sulla tavola degli aretini pasta fresca di qualità.
link


Le ricette tradizionali della Toscana

  • Autore: diego poggiolini
  • 04 lug, 2017
tagliolini al tartufo

Profondamente influenzata dai prodotti di mare e della terra, la Toscana rappresenta una delle innumerevoli eccellenze italiane nel campo della cucina, con specialità a base di carne e pesce che uniscono a tavola diversi sapori e culture all’insegna del piacere e del buon gusto.

Tra le tante ricette tipiche della tradizione gastronomica toscana, cercheremo in breve di descrivere alcuni primi piatti tipici della regione, la cui base comune per tutti è l’utilizzo della pasta fresca fatta in casa, da sempre sinonimo di qualità, freschezza e bontà, e disponibile in diversi formati e tipologie, con ripieni sfiziosi e ricchi di gusto.

I tagliolini al tartufo

Le pappardelle, regine della pasta fresca

Ma la vera regina della pasta fresca è senza dubbio la pappardella, un tipico formato di pasta toscano utilizzato principalmente in abbinamento a sughi di selvaggina, come ad esempio il ragù di cinghiale, di lepre, ma di anche beccacce. Una volta realizzata la base del ragù di carne, sarà sufficiente lessare le pappardelle in acqua bollente, e mantenerle leggermente morbide per mescolarsi bene al sugo.

Esistono anche varianti di pappardelle al ragù bianco, come quello di Cinta senese, realizzate semplicemente senza aggiungere il pomodoro alla carne macinata.

I tortelli: per sperimentare con diverse tipologie di ripieni

Un altro formato di pasta fresca tipicamente toscano sono i tortelli, vale a dire delle specie di ravioli di pasta all’uovo con un ripieno che varia a seconda delle ricette. Un esempio di tortelli toscani sono i maremmani, realizzati con un ripieno di spinaci, ricotta di pecora, noce moscata e Parmigiano Reggiano. I tortelli possono essere conditi in vari modi, a seconda di quelli che sono i propri gusti personali: da una semplice noce di burro e salvia ad un sugo di pomodoro, passando per un semplice filo d’olio extravergine d'oliva a crudo al momento di servirli.

Gli gnocchi

Realizzati con un impasto a base di patate, verdure fresche di stagione e formaggi di vario tipo, gli gnocchi sono un piatto ricco di sapore, che può essere condito con sughi di vario genere, oppure lasciato al naturale con l’aggiunta di burro a fine cottura. In Toscana ne esistono diverse varianti, tra le più conosciute gli gnudi, prodotti dai contadini nelle aree di Grosseto e Siena, e i matuffi, una sorta di rivisitazione della polenta modellata a formare dei piccoli gnocchetti di mais.

Autore: diego poggiolini 04 lug, 2017
L’Italia, oltre che essere un paese ricco di varietà di vitigni e uva, da cui si ricavano vini apprezzati ed esportati in tutto il mondo, è anche una realtà in cui si allevano razze animali da cui si ricava una carne di qualità superiore. Una delle regioni italiane a forte vocazione per l’allevamento è la Toscana, che grazie ad un territorio ricco di specie vegetali e pascoli spontanei permette alle specie bovine, suine e ovine un’alimentazione completa e sana, che è alla base per ottenere una carne di prima scelta.
Autore: diego poggiolini 04 lug, 2017

Profondamente influenzata dai prodotti di mare e della terra, la Toscana rappresenta una delle innumerevoli eccellenze italiane nel campo della cucina, con specialità a base di carne e pesce che uniscono a tavola diversi sapori e culture all’insegna del piacere e del buon gusto.

Tra le tante ricette tipiche della tradizione gastronomica toscana, cercheremo in breve di descrivere alcuni primi piatti tipici della regione, la cui base comune per tutti è l’utilizzo della pasta fresca fatta in casa, da sempre sinonimo di qualità, freschezza e bontà, e disponibile in diversi formati e tipologie, con ripieni sfiziosi e ricchi di gusto.
Autore: diego poggiolini 07 giu, 2017

Gnocchi assortiti con verdure e cereali freschi, tagliatelle, ravioli e tortelli: questi sono solo alcuni esempi degli innumerevoli tipi di pasta fresca che ogni giorno possiamo comprare e mettere in tavola, con infinite varianti e gustosi condimenti.

Ma come viene prodotta la pasta fresca in Italia? E come facciamo ad accertarci che questa sia fresca, genuina, e soprattutto conservata secondo le norme previste per legge?
Share by: